per quanto tempo assumere cbd
Redazione

Redazione

Per quanto tempo assumere CBD?

Uno degli errori principali quando si decide di assumere CBD è quello della durata del trattamento.

Molti neofiti quando si avvicinano al mondo del CBD si aspettano di ottenere risultati tangibili dopo poche ore dalla prima assunzione.

Ahimé non funziona così, nonostante ci impegniamo a realizzare i migliori olii al CBD presenti sul mercato con materie prime di altissima qualità e lavorazioni con i più alti standard, non ci siamo ancora organizzati per fare i miracoli.

E’ vero che il CBD è una molecola formidabile dalle mille potenzialità, tuttavia, come ampiamente dimostrato da decenni di ricerca medica scientifica, per espletare i suoi effetti il cannabidiolo ha bisogno di tempo.

Ma quanto tempo?

Come quasi sempre accade quando parliamo di CBD, la risposta è DIPENDE.

A seconda dell’obiettivo di salute e dell’eventuale patologia da combattere, la durata del trattamento varia da persona a persona.

Non dimentichiamoci inoltre che ogni individuo è diverso dagli altri e risponde in maniera diversa ai trattamenti, CBD incluso.

Se si ha problemi con l’emicrania o l’insonnia, ad esempio, è probabile che dopo una settimana di assunzione con poche gocce di olio CBD 5% non si notino effetti degni di nota.

Aumentando poi il dosaggio e la durata del trattamento, finalmente si può poi raggiungere l’effetto desiderato.

Le ricerche mediche che hanno studiato i benefici della molecola variano da una singola dose fino a 48 settimane, con una media di 4/8 settimane di trattamento.

Diciamo che una tempistica per avere un certo riscontro è quella di circa 4 settimane almeno.

Prima di tale tempistica, difficilmente potrai notare degli effetti o dei cambiamenti tangibili sul tuo stato di salute.

Ovviamente il CBD andrà assunto in maniera consapevole tutti i giorni nelle dosi corrette.

Per quanto tempo devo assumere CBD

per quanto tempo assumere cbdNella sezione dedicata al dosaggio del CBD, abbiamo visto che per la maggior parte delle persone è consigliabile iniziare con la dose giornaliera minima consentita di 20 mg, per poi aumentare di 5 mg ogni settimana fino all’ottenimento del risultato.

Una volta trovata la dose specifica, non c’è una data di fine per il trattamento.

Il CBD non ha effetti collaterali importanti, è una molecola naturale che aiuta a regolare moltissime funzioni interne dell’organismo e non ha controindicazioni.

Si può continuare tranquillamente ad assumerlo se si notano benefici, così come si può decidere di smettere di prenderlo non avendo dimostrato segnali di dipendenza.

Dopo alcune settimane di trattamento, se si sono notati cambiamenti positivi grazie all’assunzione, si può tranquillamente decidere di diminuire gradualmente l’assunzione di 5 mg ogni settimana fino al raggiungimento della dose minima giornaliera di 20 mg.

Tuttavia, anche la durata del trattamento dipende da fattori individuali della persona, l’indicazione valida per tutti è quella di prendere almeno la dose minima di 20 mg per 4 settimane tutti i giorni.

Con durata e dosaggio inferiore, il CBD non potrà in nessun caso generare gli effetti benefici che hanno reso celebre il cannabidiolo.

Ovviamente noi di Naab non siamo in grado di fornire consigli medici adeguati alla persona specifica, consigliamo sempre di chiedere al proprio medico di famiglia la giusta metodologia di assunzione.

Noi dalla nostra parte ti garantiamo prodotti contenenti il miglior CBD disponibile sul mercato e quello lo sappiamo fare molto bene.

Condividi l'articolo my friend :)

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email