olio cbd gatti
Redazione

Redazione

Olio CBD gatti: dosaggio e modalità d’uso

E’ ormai noto che l’olio CBD non è esclusiva per gli esseri umani, i vantaggi infatti sono anche per i nostri amici a quattro zampe.

Il CBD ad uso veterinario infatti è una realtà consolidata e consigliata da tanti veterinari a livello internazionale.

Certamente l’olio CBD è utilizzato in maggior misura nei cani, ma anche nei gatti è possibile utilizzarlo.

Tutti gli animali complessi, domestici e non, hanno un sistema endocannabinoide che gioca un ruolo importante nella salute complessiva dell’animale.

Il corpo degli animali così come quelli dell’essere umano, produce endocannabinoidi, sostanze molto simili ai cannabinoidi presenti nella cannabis.

Questi viaggiano nel flusso sanguigno e si attaccano alle cellule di tutto il corpo per fornire messaggi e istruzioni che dicono cosa sta succedendo e come reagire. Quasi tutti i processi corporei sono influenzati da questi endocannabinoidi.

Ecco come funziona il CBD. Prende il posto di questi endocannabinoidi. Quando non forniscono le istruzioni di cui abbiamo bisogno, o quando il sistema è sotto stress più del normale, il CBD può aiutare a riportare tutto in uno stato di omeostasi.

Negli umani come nei gatti.

I gatti e la sicurezza del CBD

olio cbd gattiCome specificato in precedenza, anche i gatti hanno un sistema endocannabinoide simile al nostro.

Quindi non è certo una forzatura pensare che il CBD possa aiutarli con cose come ansia, stress, infiammazione e dolore nello stesso modo in cui stiamo scoprendo che aiuta il resto di noi.

Specialmente nei gatti anziani che soffrono di patologie invalidanti proprio come noi umani, è lì che si possono ottenere i maggiori benefici.

Al momento non esistono studi a lungo termine, ma quelli a breve e medio termine hanno confermato queste ipotesi.

Quello che possiamo affermare circa il CBD è la certezza della sua sicurezza per i gatti come lo è per i cani.

Un recente progetto di ricerca ha scoperto che dosi elevate potrebbero causare effetti collaterali, ma ha affermato che probabilmente la colpa era della contaminazione da THC.

Lo stesso studio ha anche scoperto che il CBD è stato assorbito ed eliminato in modo diverso nei gatti rispetto ai cuccioli, il che potrebbe significare modificare le nostre dosi per i gatti.

Benefici del CBD per i gatti

I principali benefici del CBD sono la sua capacità di  di ridurre l’infiammazione acuta e cronica e quindi diminuire il dolore nei mammiferi.

I ricercatori universitari affermano che l’olio di CBD è ottimo nel trattamento del dolore perché tarano un recettore chiamato “recettore villanoide” e ne impediscono la formazione. La presenza del recettore è legata al dolore cronico.

Il CBD è anche un eccellente neuroprotettore che lo rende ottimale per il trattamento di disturbi neurologici come convulsioni ed epilessia.

Altri modi in cui il CBD può apportare benefici ai gatti è aiutarli con dolore, infiammazione cronica, convulsioni/epilessia, artrite e benessere generale.

Dosaggio CBD per gatti

L’olio di CBD per gatti di solito viene miscelato con pochi altri ingredienti per renderlo più appetibile e nutriente.

La qualità del CBD è la stessa di quello destinato al consumo umano, quello che cambia sono gli ingredienti aggiunti per adattarlo al gusto del felino.

Nel nostro caso abbiamo aggiunto una speciale miscela di olio salmone selvaggio e merluzzo molto apprezzati dai gatti.

Per iniziare l’assunzione, si può utilizzare una dose minima di 5-10 mg di CBD per ogni kg di peso del gatto.

I gatti non hanno tanti recettori dei cannabinoidi come i cani, quindi hanno bisogno di una concentrazione maggiore per avere gli stessi effetti.

Ovviamente più difficile è la situazione del gatto, maggiore CBD dovrai somministrargli.

Il dosaggio può facilmente rimanere approssimativo fino a quando non sarai in grado di trovare la giusta dose che funziona meglio per il tuo gatto.

Qualsiasi sia il dosaggio, ricorda il CBD non è una molecola dei miracoli, serve un’assunzione costante e duratura nel tempo, non inferiore alle 4 settimane per vedere i benefici dell’assunzione.

Molti si aspettano risultati sorprendenti dopo una o due applicazioni, la realtà è diversa. Tutte le ricerche mediche studiano l’assunzione di CBD duratura e costante, alcuni trials durano addirittura anni.

Come aggiungere CBD alla dieta dei gatti

Aggiungere alcune gocce di olio CBD nella ciotola del cibo del proprio gatto e mescolarlo è facile ed efficace.

Alla maggior parte dei gatti piace così il sapore dell’olio, specialmente quello contenente olio salmone e di merluzzo, specialmente adatto ai felini.

Osserva il tuo gatto come reagisce all’aggiunta, ma siamo certi che non noterei differenze nell’assunzione del cibo. Inizia con la dose minima e sentiti libero di aumentare la dose fino a quando il tuo animale domestico non risponderà favorevolmente.

Ogni gatto è diverso, ma l’olio CBD aiuta tutti i felini con problemi.

Condividi l'articolo my friend :)