metodi produzione olio cbd
Redazione

Redazione

Come Viene Prodotto l’Olio CBD dalla Canapa

Il cannabidiolo o CBD è uno dei componenti attivi di maggior interesse presente nei fiori della canapa.

Il CBD può essere brevemente definito come un estratto naturale della pianta di canapa che a differenza del THC, il CBD non ha elementi di dipendenza o psicoattivi.

Di conseguenza, si è aperto un enorme mercato che interessa molte persone ormai abituati ad usare il CBD per le sue proprietà riparatrici utili in tante condizioni più o meno patologiche.

Il CBD è disponibile principalmente sotto forma di olio, che viene estratto dalla pianta di canapa e quindi miscelato con un olio “vettore”.

In questo articolo spiegheremo come viene prodotto l’olio di Cannabis Light District, delineando la gamma di processi coinvolti nella coltivazione, estrazione e raffinazione dell’olio di CBD.

Tutto parte dalla coltivazione della canapa

metodi produzione olio cbdSenza il lavoro sul campo, il CBD ovviamente non esisterebbe.

Il CBD infatti deve essere estratto dalla “canapa industriale” coltivata legalmente in Europa e negli Stati Uniti.

Questa è coltivata da semi che contengono meno dello 0,2% di THC secondo le normative UE.

Queste piante opportunamente selezionate per produrre fiori ricchi di CBD e poveri di THC vengono coltivate e nutrite in modo da aumentare al massimo i livelli di CBD.

Al termine del ciclo della canapa, i fiori vengono separati da fusti e foglie e opportunamente selezionate per le fasi successive della produzione di olio di CBD.

Attenzione a non confondere l’olio CBD con l’olio di semi di canapa, quest’ultimi infatti proviene dai semi della canapa e non dai fiori e non contiene CBD e altri cannabinoidi presenti.

Estrazione del CBD dai fiori di canapa

Esistono molte tecniche diverse per estrarre il CBD dalla pianta di canapa, tutte valide, ma ognuna con diversi benefici e svantaggi.

In generale, qualsiasi tecnica commerciale di estrazione del CBD richiederà l’uso di solventi naturali.

Questi solventi sono importanti perché sono altamente efficienti nel separare la molecola di CBD dagli altri composti presenti nella pianta di cannabis e nel purificare la soluzione.

Successivamente, il solvente evapora, lasciando dietro di sé solo puro olio di CBD.

ESTRAZIONE CO2

Il metodo migliore per estrarre il CBD è “l’estrazione con CO2” (anidride carbonica supercritica).

Questo metodo utilizza un estrattore a circuito chiuso, un sistema per estrarre oli essenziali per profumi, oltre a creare additivi alimentari. La canapa viene posta in una camera che viene poi riempita di anidride carbonica.

Applicando pressione alla camera, l’anidride carbonica viene trasformata in liquido, che poi assorbe gli oli e gli aromi della canapa.

Il risultato finale è un liquido composto sia da anidride carbonica che da CBD. Questo liquido viene quindi pompato in una camera finale dove l’anidride carbonica viene trasformata in gas.

Sebbene questo processo di estrazione sia noto per essere sicuro, efficiente e con un risultato finale potente, è importante essere consapevoli del fatto che questo processo non è sempre privo di alcol.

Il materiale estratto con CO2 in genere deve essere ulteriormente raffinato con un solvente alcolico per creare un isolato o un distillato di CBD.

ESTRAZIONE ALCOLICA

Un altro modo praticabile per estrarre il CBD è utilizzare solventi liquidi come etanolo, butano o alcol isopropilico. Questo è ampiamente considerato come uno dei metodi di estrazione più semplici.

In quanto solvente a base vegetale, gli esperti affermano che l’etanolo aiuta a mantenere le proprietà chimiche naturali della canapa durante l’estrazione.

Tuttavia, alcuni test hanno dimostrato che il residuo di solvente non viene sempre completamente eliminato durante la fase di evaporazione. Inoltre, quando vengono utilizzati solventi naturali come l’etanolo, durante il processo può essere estratta anche la clorofilla e questo conferisce all’olio risultante un sapore sgradevole.

Offre un eccellente profilo di sicurezza e molteplici usi medici, oltre ad essere utilizzato in molti prodotti per la salute e la bellezza. Questo metodo di estrazione gioca un ruolo fondamentale nella determinazione del tipo e delle quantità relative dei componenti vegetali estraibili che devono essere rimossi durante il processo di purificazione.

I nostri prodotti beneficiano anche di macchine di estrazione uniche nel nostro stabilimento di produzione, che garantiscono ancora una volta i più elevati standard di qualità. Di conseguenza, siamo in grado di avere un maggiore controllo sulla purezza e sul grado del nostro olio di CBD.

Dopo l’estrazione, l’olio di CBD passa attraverso un preciso processo di raffinamento e distillazione in più fasi.

Noi del Cannabis Light District ci impegniamo a fornire ai nostri clienti l’olio di CBD della migliore qualità.

Winterizzazione dell’estratto

La winterizzazione è il processo per rimuovere gli elementi indesiderati che sono stati estratti dalla pianta, ad esempio grassi, cere e lipidi.

Questo processo è necessario solo quando l’olio è stato estratto ad alta pressione/alta temperatura (supercritico) perché questa intensa estrazione estrae tutto dalla pianta, compreso il materiale che non si desidera nei prodotti finali.

Una volta estratta, la miscela viene unita con alcol 200 gradi e mescolata energicamente fino a quando non è completamente amalgamata. Viene quindi posto in un congelatore per una notte.

Al mattino, la miscela appare torbida ed è pronta per la filtrazione. Un modo per filtrare i grassi, ecc. è farlo passare attraverso una carta da filtro in un barattolo di estrazione. Un pezzo comune di equipaggiamento per questo è un imbuto Buchner.

Una volta che è stato filtrato in modo soddisfacente e gli elementi indesiderati sono stati rimossi, è il momento di rimuovere l’alcol. Questo viene fatto usando il calore.

L’estrazione viene riscaldata e man mano che viene riscaldata, l’alcol evapora poiché il punto di ebollizione dell’alcol è inferiore a quello dell’olio. L’alcol rimosso può quindi essere utilizzato su un lotto diverso.

Tutti processi all’apparenza complicati, ma che garantiscono un prodotto finale di qualità sicuro per il consumatore.

Condividi l'articolo my friend :)