differenze thc e cbd
Redazione

Redazione

Qual È la Differenza tra CBD e THC?

E’ ormai innegabile che i tempi in cui si vedeva la canapa come un nemico da combattere sono ormai lontani. Oggi finalmente questa pianta ha riacquisito il posto che merita come grande amico della salute umana e non solo..

Tuttavia, dopo oltre 70 anni di propaganda, la confusione sulla cannabis è ancora tanta e i quesiti ancora molti.

Ed è per questo motivo che abbiamo deciso di scrivere la più completa enciclopedia sul CBD, il componente più famoso insieme all’ormai noto THC.

Ed è proprio il confronto tra le due molecole più importanti della cannabis di cui vogliamo parlare oggi in questo capitolo.

Se vuoi conoscere la differenza tra CBD e THC, allora mettiti comodo e continua con la lettura.

Che cos’è il CBD e il THC

differenze thc e cbdIniziamo innanzitutto come le cose in comuni tra queste due molecole.

Il cannabidiolo (CBD) e il tetraidrocannabinolo (THC) sono entrambi due composti naturali che si trovano nelle piante del genere Cannabis.

La canapa e la cannabis provengono dalla pianta di Cannabis sativa. La canapa legale deve contenere lo 0,5% di THC o meno. Il CBD viene venduto sotto forma di gel, caramelle gommose, oli, integratori, estratti e altro ancora.

Il THC è il principale composto psicoattivo nella cannabis che produce effetti sulla mente. Può essere consumato fumando cannabis. È anche disponibile in oli, edibili, tinture, capsule e altro ancora.

Il THC in dosi superiori allo 0,5% in Italia è ancora considerato illegale, ma utilizzato nella cannabis terapeutica.

Entrambi i composti interagiscono con il sistema endocannabinoide del tuo corpo, ma hanno effetti molto diversi.

Sebbene possano avere molto in comune, presentano alcune differenze chiave che determinano il modo in cui vengono utilizzati.

CBD vs. THC: struttura chimica

Sia il CBD che il THC hanno la stessa identica struttura molecolare: 21 atomi di carbonio, 30 atomi di idrogeno e 2 atomi di ossigeno. Nonostante ciò, una leggera differenza nella disposizione degli atomi spiega i diversi effetti sull’organismo umano.

Sia il CBD che il THC sono chimicamente simili agli endocannabinoidi del tuo corpo. Ciò consente loro di interagire con i recettori dei cannabinoidi.

L’interazione influisce sul rilascio di neurotrasmettitori nel cervello. I neurotrasmettitori sono sostanze chimiche responsabili della trasmissione di messaggi tra le cellule e hanno ruoli nel dolore, nella funzione immunitaria, nello stress e nel sonno, solo per citarne alcuni.

CBD vs. THC: componenti psicoattive

Nonostante le loro strutture chimiche siano prettamente simili, CBD e THC non hanno gli stessi effetti psicoattivi. Il CBD è psicoattivo, ma non allo stesso modo del THC.

Non produce lo sballo associato tipico al THC.

Il CBD al contrario ha dimostrato di aiutare nella lotta contro ansia, depressione e convulsioni.

Il THC si lega ai recettori dei cannabinoidi 1 (CB1) nel cervello. Produce uno sballo o senso di euforia ricercato dai tanti assuntori di marijuana ancora purtroppo illegale in tantissime nazioni, Italia compresa.

Il CBD si lega molto debolmente, se non del tutto, ai recettori CB1.

Il CBD ha infatti bisogno del THC per legarsi al recettore CB1 e, a sua volta, può aiutare a ridurre alcuni degli effetti psicoattivi indesiderati del THC, come l’euforia o la sedazione. Il cosidetto effetto entourage che vede i diversi cannabinoidi interagire tra loro per modulare la loro attività sull’orgamismo umano.

CBD contro THC: legale contro illegale

Nonostante la confusione sia ancora tanta e ogni paese agisce in maniera indipendente, la strada verso la legalizzazione della cannabis sembrerebbe essere iniziata.

Negli Stati Uniti, ad esempio le leggi relative alla cannabis si stanno evolvendo regolarmente a favore di quest’ultima. Tecnicamente, il CBD è ancora considerato un farmaco della Tabella I ai sensi della legge federale.

La canapa è stata rimossa dal Controlled Substances Act, ma la Drug Enforcement Administration (DEA) e la Food and Drug Administration (FDA) classificano ancora il CBD come farmaco di Tabella I.

Tuttavia, 33 stati più Washington, DC, hanno approvato leggi relative alla cannabis, rendendo legale la cannabis medica con alti livelli di THC. Potrebbe essere necessario prescrivere la cannabis da un medico autorizzato.

Inoltre, diversi stati hanno reso legale l’uso ricreativo della cannabis e del THC.

Negli stati in cui la cannabis è legale per scopi ricreativi o medici, dovresti essere in grado di acquistare CBD.

Prima di provare ad acquistare prodotti con CBD o THC, è importante ricercare le leggi del tuo stato.

Se possiedi prodotti correlati alla cannabis in uno stato in cui sono illegali o non hai una prescrizione medica in stati in cui i prodotti sono legali per le cure mediche, potresti incorrere in sanzioni legali.

In Italia la canapa per essere commercializzata deve avere un contenuto di THC inferiore allo 0,5% seguendo il DPCM degli anni 90 sull’uso delle sostanze stupefacenti.

La legge 242/16 regolarizza la coltivazione della canapa con THC inferiore a o,5% e nessun limite nel CBD. Le leggi cambiano continuamente, recente la notizia del Referendum sulla depenalizzazione della cannabis.

CBD vs. THC: benefici medici

Entrambi CBD e THC hanno molti benefici medici, alcuni simili, altri no.

Possono ad esempio fornire sollievo da molte patologie, tuttavia il THC può provocare ansia se preso in eccesso, mentre il CBD no.

Il CBD non provoca gli effetti euforici sulla mente che si verificano con il THC. Alcune persone potrebbero preferire usare il CBD a causa della mancanza di questo effetto collaterale. Spesso conviene assumerli entrambi per massimizzare l’effetto come nella cannabis terapeutica.

Nel giugno 2018, la FDA negli Stati Uniti ha finalmente approvato Epidiolex, il primo farmaco da prescrizione a contenere CBD.

È usato per trattare forme di epilessia rare e difficili da controllare.

Il CBD è usato inoltre in tante altre condizioni patologiche come convulsioni, infiammazioni croniche, dolore cronico, psicosi o disturbi mentali, malattia infiammatoria intestinale, nausea, emicrania, depressione e ansia.

Il THC è usato nella cura di dolore cronico, spasticità muscolare, glaucoma, insonnia, basso appetito e nausea.

CBD vs. THC: effetti collaterali

Il CBD è ben tollerato, anche a dosi elevate, possiamo dire che non ha praticamente effetti collaterali degni di nota.

Il ResearchTrusted Source suggerisce che qualsiasi effetto collaterale che si verifica con l’uso di CBD è probabilmente il risultato di interazioni farmaco-farmaco tra CBD e altri farmaci che potresti assumere.

Il THC invece provoca effetti collaterali temporanei specialmente se assunto in alte dosi come aumento della frequenza cardiaca, problemi di coordinazione, bocca asciutta, ansia, panico, occhi rossi, tempi di reazione più lenti, perdita di memoria

Nessuno dei due composti è fatale in nessun caso.

Tuttavia, un uso elevato di THC può essere collegato a effetti psichiatrici negativi a lungo termine. Ciò è particolarmente vero per gli adolescenti che consumano grandi quantità di THC, sebbene non ci siano prove conclusive che l’uso di cannabis causi disturbi psichiatrici come la schizofrenia.

CBD vs. THC: test antidroga

Il THC essendo illegale in Italia prevede sanzioni associate all’uso di sostanze stupefacenti. Il CBD no. Il THC contenuto nella canapa light o nell’olio CBD non viene segnalato nei test per via della modica quantità.

I cannabinoidi come il THC e il CBD sono immagazzinati nel grasso corporeo. Possono presentarsi ai test antidroga per diversi giorni o settimane dopo che li hai usati.

Non tutti i test antidroga saranno in grado di rilevare il CBD, ma sono disponibili test sensibili al CBD. La maggior parte dei test antidroga standard cercherà sostanze chimiche correlate al THC, quindi l’uso di THC o marijuana potrebbe apparire in uno screening.

È importante notare che i prodotti che affermano di essere privi di THC potrebbero non essere privi di THC, quindi se sei sottoposto a test antidroga, non dovresti usare alcun prodotto CBD o THC.

Dove e come sono presenti THC e CBD

CBD e THC sono due dei cannabinoidi più importanti che si trovano nella pianta di cannabis, concentrate al’interno della resina dei fiori.

Sia la cannabis che la canapa producono CBD e THC insieme a tanti altri cannabinoidi, terpeni, vitamine e sali minerali.

Tuttavia, esistono molte genetiche diverse di cannabis, alcune hanno una maggiore concentrazione di THC, altre una maggiore concentrazione di CBD, altre ancora con percentuali bilanciate.

La varietà di genetiche offre a tutti i consumatori un’ampia scelta, nell’attesa che tutte le concentrazioni diverse possano essere finalmente legali non solo in Italia, ma in tutto il mondo.

Condividi l'articolo my friend :)