Come vendere la Cannabis light
Redazione

Redazione

Come vendere la Cannabis light

In questo articolo illustriamo come vendere la Cannabis light.

Com’è noto, quello della “marijuana legale” è un mercato che in Italia è in crescita esponenziale che nel 2017 ha fatturato 44 milioni di Euro, e la cui crescita per il futuro sembra tutt’altro che arrestarsi. Per questo molti stanno entrando nel mercato per mettere in vendita la Cannabis legale.

Quando si parla di Cannabis legale si fa riferimento a quella con THC inferiore allo 0,6%: la Legge n. 242/2016 che ha regolamentato la produzione della Cannabis light in Italia ammette infatti la possibilità di coltivare (e di rivendere) fiori di Canapa sativa con THC fino allo 0,6%. Inoltre, per costante Giurisprudenza italiana, sotto lo 0,5% non si può nemmeno parlare di “stupefacente”, posto che per Letteratura Scientifica e Medica sino a quella soglia la sostanza non possiede effetti psicotropi.

Come vendere la Cannabis light in Italia

Premesso quanto sopra, vediamo nel dettaglio come vendere la marijuana legale.

Per coloro che hanno già un’attività avviata come edicola, tabaccheria, erboristeria, bar, ristorante ecc., sarà sufficiente trovare un fornitore. In Italia ci sono diverse aziende che forniscono bustine di Cannabis legale già confezionate a loro brand e corredate di analisi, di tal che il rivenditore potrà metterle in vendita in tutta tranquillità; ovviamente se dalla analisi risulti un contenuto di THC sotto soglia e se la coltivazione derivi da semi certificati (la garanzia in tal senso deve comunque essere prestata dal produttore/rivenditore). Anche la nostra azienda fornisce per la rivendita confezioni di Cannabis legale di ottima qualità (ed a prezzi vantaggiosi) a marchio Cannabis Light District; in alternativa forniamo anche il servizio di white label. Se interessato contattaci senza impegno.

Come si diceva, una volta trovato il fornitore si potrà ricevere la merce e metterla in vendita, tutto qua, non servono autorizzazioni o licenze particolari, anche perché – e questo va sottolineato – le infiorescenze di Cannabis light non sono vendute per uso umano (come ad esempio per essere fumate, inalate, vaporizzate ecc.) ma solo ad “uso tecnico” come per collezione, per deodorare gli ambienti, per ricerca, per studi di agricoltura ecc.. Poi se nei fatti i clienti le comprano per farne un uso umano, ciò non costituisce un problema per il rivenditore, il quale dovrà semplicemente evitare di presentare o pubblicizzare il prodotto ad uso umano.

Coloro che invece intendono aprire un hemp shop, ovvero un negozio che vende prodotti a base di Canapa, dovranno:

  • creare una società oppure aprire una partita iva;
  • aprire un conto corrente;
  • trovare un locale accatastato come negozio ove poter svolgere l’attività di vendita;
  • effettuare presso l’ufficio commercio del Comune (“SUAP”) la comunicazione di inizio attività (“SCIA”);
  • essere in possesso della licenza per la vendita di alimenti e bevande, qualora si intenda commercializzare anche tali prodotti, ed effettuare la comunicazione all’ASL di riferimento (“NIA”);
  • rispettare le norme in tema di igiene, sicurezza oltre che le norme urbanistiche;
  • non è invece obbligatoria la stipula di alcuna assicurazione.

Chi può vendere la Cannabis light?

Tutti i commercianti e negozianti possono vendere la Cannabis light, non essendovi divieti sul punto, e quindi anche tabaccai, edicolanti, bar, ristoranti, erboristerie ecc. oltre ai negozi specializzati nella vendita di prodotti a base di Canapa. Si consiglia di non vendere ai minori, anche se sul punto la legge non pone alcun divieto.

Colui che deve incominciare “da zero” la propria attività potrà consultare il “SUAP” (sportello attività economiche) presente nel Comune di riferimento, al fine di richiedere la licenza per l’esercizio dell’attività che, nel caso degli hemp shop, sarà quella della vendita di fiori e prodotti derivanti dalla Canapa. In particolare l’oggetto potrà essere indicato come segue: “commercio al dettaglio ed elettronico di infiorescenze derivati dalla canapa; vendita di prodotti derivati dalla canapa; vendita di prodotti correlati alla canapa; organizzazione eventi ed iniziative promozionali ed informative sulla proprietà della canapa”.

Una valida alternativa è quella di aprire un hemp shop in franchising con uno dei vari brand esistenti in Italia, come ad esempio con noi di Cannabis Light District. In questo caso, dopo aver stipulato il contratto di franchising alle condizioni concordate e previa formazione ricevuta, il franchisee/affiliato non dovrà fare altro che trovare un locale adatto all’esercizio dell’attività e dedicarsi alla vendita dei prodotti che via via la casa madre provvederà a fornirgli. Al riguardo la nostra Società ti garantisce un’assistenza completa sotto tutti i profili – burocratici, legali, commerciali ecc. – sia nella fase iniziale dell’avviamento, sia successivamente durante tutta la durata del rapporto.

Un’altra valida alternativa è quella di vendere Cannabis light tramite distributori automatici (qui trovi la Guida completa), ancora poco diffusi sul territorio italiano e che permettono di intercettare quella clientela che non ha voglia di entrare all’interno di un negozio. Oppure si può vendere online, sia a mezzo di proprio e-commerce (strada non semplice), sia tramite Amazon.

Perché i prodotti di Cannabis vanno tanto di moda?

Perché spesso sono realizzati con procedimenti bio, artigianali ed ecocompatibili, in un momento storico in cui i consumatori sono sempre più esigenti in tema di salute e di ambiente. Ad esempio noi di Cannabis Light District  produciamo o co-produciamo articoli di cosmetica, cioccolata, birre, liquori con piccoli produttori artigianali della zona, prestando la massima attenzione all’ambiente ed alla salute del consumatore con prodotti veramente biologici al 100%.

Ma ad andare di moda sono anche e soprattutto le infiorescenza di Cannabis che, a detta di molti, oltre ad avere il classico sapore della Cannabis, possiedono effetto rilassanti, antipsicotici, antidolorifici ecc.. Svariate persone grazie alla Cannabis light sono anche riuscite a smettere di fumare.

Acquista le nostre infiorescenze di cannabis light

Condividi l'articolo my friend :)