cbd può essere commercializzato
Redazione

Redazione

Corte di Giustizia europea: il CBD può essere commercializzato

cbd può essere commercializzatoIn tutta l’Unione Europea i prodotti a base di CBD non possono essere considerati stupefacenti e possono essere commercializzati, il diritto comunitario è più importante di quello nazionale. Questa la sentenza, tanto attesa, della Corte di Giustizia europea.

La motivazione che ha portato a questa sentenza deriva da un processo iniziato in Francia a carico di due imprenditori che avevano commercializzato una sigaretta elettronica a base di CBD, importata dalla Repubblica Ceca, dove era stato estratto il cannabidiolo, e quindi secondo la legge nazionale francese non ammesso.

Gli imprenditori accusati si sono visti condannare rispettivamente a 18 e 15 mesi di reclusione, oltre a 10mila euro di ammenda. Ma i due imputati hanno fatto subito appello, e la Corte non ha tardato a dichiarare che il diritto comunitario in questi casi supera una normativa nazionale, come quella oggetto del procedimento penale. Nel dettaglio si vede che nella sentenza la Corte dichiara che questa sostanza non può esser considerata stupefacente facendo riferimento, in particolare, a due convenzioni delle Nazioni Unite: la convenzione sulle sostanze psicotrope e la convenzione unica sugli stupefacenti.

Altra importante considerazione della Corte è che il giudice deve sempre consultare e valutare i dati scientifici disponibili per assicurarsi che il rischio per la salute sia reale e non basato su pregiudizi o ipotesi non comprovate.

Probabilmente questa sentenza avrà un effetto immediato sul mercato europeo che lo porterà ad una maggiore liberalizzazione ma soprattutto segna un importante traguardo, l’affermazione che il CBD non è uno stupefacente.

Condividi l'articolo my friend :)

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email