Redazione

Redazione

Cannabis light, il ministro Speranza sospende il decreto contro il Cbd

Il decreto del ministero della Salute che inseriva i preparati di CBD a uso orale  nella tabella degli stupefacenti, è stato sospeso.

Nell’atto ufficiale del 28 ottobre si legge che l’entrata in vigore è sospesa con effetto immediato “in attesa dei pareri richiesti all’Istituto superiore di sanità e al Consiglio superiore di sanità”.

Il decreto era stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 15 ottobre e sarebbe entrato in vigore il 30, portando ulteriore incertezza e caos interpretativo nel mercato della cannabis light e dei prodotti al CBD.

Il decreto era stato fatto su misura per favorire l’ ingresso sul mercato dell’Epidiolex, farmaco a base di CBD prodotto dalla GW Pharmaceuticals. Altri paesi europei come Francia e Germania, avevano approvato  la commercializzazione ma senza dichiarare il CBD o le preparazioni che lo contengono come stupefacenti.

Il settore può tirare un sospiro di sollievo, per ora. Ma ci saranno altri passaggi molto importanti: la Commissione Europea, per quel che riguarda l’ iscrizione di prodotti nell’elenco dei Novel Food, aveva fermato la procedura dicendo di valutare proprio il CBD come stupefacente.

Infine a dicembre gli stati membri dell’OMS dovrebbero votare le raccomandazioni in fatto di cannabis, dopo che ne sono state finalmente riconosciute le proprietà mediche. Per ciò che riguarda il CBD, l’OMS aveva gia scritto che non dovrebbe essere inserito in nessuna tabella e nemmeno i prodotti con THC fino allo 0,2%.

Condividi l'articolo my friend :)

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email